Archivi categoria: Andarpermonti

Il gruppo Andarpermonti nasce nell’estate del 2004 su iniziativa di un gruppo di genitori amanti della montagna per proporre ai propri figli, gran parte alle scuole superiori, un’estate diversa alla scoperta delle bellezze naturali della montagna Friulana.
L’organizzazione e la pianificazione delle gite erano molto semplificate e pensate principalmente per colpire la curiosità dei ragazzi, che altrimenti non avrebbero partecipato volentieri, anche se una volta partiti facevano gruppo dimenticando subito la fatica del percorso.
E’ nato così un cammino, non solo nel senso pratico del termine, anche per noi genitori, che ci ha portato a cercare un senso diverso, più compiuto, di quanto stavamo facendo. Abbiamo così iniziato a strutturare ogni gita, cercando un filo conduttore per ognuna: la bellezza di un percorso, la vetta con un ampio panorama, arrivando infine agli incontri con persone del posto che ci hanno accompagnato nella scoperta di storie, ambienti e luoghi che non conoscevamo. Avendo sempre bene in mente che il raggiungimento della “vetta” non era il vero fine della giornata. La fatica del cammino e della salita non dovevano essere un peso, lo scotto da pagare per raggiungere la meta, ma un momento di difficoltà da condividere camminando insieme perché sapevamo che, fidandoci della nostra guida del momento, quanto ci aspettava alla fine della fatica era una cosa bella.
Nel frattempo i ragazzi sono diventati grandi e hanno preso strade diverse, ma noi manteniamo sempre viva la nostra attività per condividere questa ricerca di bellezza e voglia di amicizia con chi vuole camminare insieme a noi.
In attesa delle prossime escursioni…

Paolo Andreoli

Anello da borgo vigant A chialminis – uscita del 29 dic. 2019 – resoconto e galleria FOTOGRAFICA

Da Borgo Vigant visiteremo l’Abisso Vigant, proseguiremo fino a Chialminis, passando per Borgo di Mezzo arrivo alla Chiesa di Chialminis e ritorno.

volantino dettagliato: Link volantino

DISLIVELLO, TEMPI, DIFFICOLTA’ e CARTOGRAFIA

Dislivello m. 100, 2 ore, E (Escursionista), Tabacco 026;

NOTE:Si richiede l’iscrizione alla gita entro il giorno 28 dicembre, attraverso il sito:

Uscita del 29 dicembre, siamo alla fine dell’anno, chi si è prenotato per l’uscita arriva al punto di ritrovo, con lentezza, quasi giustificata dal fatto che siamo agli sgoccioli del 2019. Siamo tutti, si parte, in macchina, in quaranta minuti siamo a Borgo Vigant. Uscendo dalla macchina il sole acceca, l’aria è tersa e fredda, alcuni di noi già all’opera nella casa con il Dottor Livio che dirige ed accoglie tutti i convenuti. Qualche minuto d’attesa, breve inquadramento del luogo, spiegazione del percorso, una preghiera e via verso Chialminis passando per l’abisso Vigant. Mi accorgo che nel gruppo ci sono tanti bambini, sono vivacissimi, si rincorrono e vanno dappertutto, inoltre ben quattro cani, una presenza canina considerevole.

L’abisso è impressionante una caverna in cui si convoglia acqua piovana che nei momenti di piena trasporta legni anche di grosse dimensioni. Bene, si riparte per Chialminis, in quarantacinque minuti siamo su, ad accoglierci la dottoressa Elsa, ci racconta del paese, delle famiglie e delle evoluzioni nel tempo. Del suo intervento mi ha molto colpito il richiamo al valore del “silenzio” condizione per ritrovare se stessi. La salutiamo donando un libro di Cdo sport in cui si raccolgono interventi di Maestri contemporanei che parlano di sport. La dottoressa apprezza e ci invita a tornare, anzi coglie il gesto come l’inizio di una storia.

Nel pacchetto di accoglienza c’è anche una baita riscaldata dove consumiamo il pranzo e trascorriamo un paio d’ore in compagnia. Fuori dalla baita la tradizionale foto di gruppo e via si ritorna per un altro sentiero a borgo Vigant. In trenta minuti siamo al punto di partenza: un brindisi, un saluto e appuntamento alla prossima.

Riconosco che la giornata così bella e stata un dono, il tempo, la natura, il panorama, ma sopratutto gli amici, è proprio vero: ogni proposta è un avvenimento da vivere intensamente riconoscendo una Presenza che fa tutte le cose.

Luigi Valente

Borgo Vigant – punto di partenza
Abisso Vigant
Panorama della pianura friulana
Visita alla mostra sulle famiglie con la dottoressa Elsa
Pranzo in baita
Il gruppone
Il rientro
Brindisi e saluto finale

ANDARPERMONTI NEWS – GITA A PALAMAIOR: FOTO E RESOCONTO della giornata

Domenica 15 Settembre si è svolta la terza uscita estiva del Gruppo Escursionistico Andarpermonti.

Ci hanno accompagnato in questo viaggio nel tempo due ottime guide: il Dr. Giuliano Cescutti e il Dr. Jurij Cozianin, quest’ultimo in rappresentanza della Associazione Partigiani “Osoppo-Friuli”.

Alla partenza, presso la Colletta Val da Ros, la guida Cescutti inizia la giornata con una ampia descrizione dell’ambiente circostante ricordando, in particolare, la storia delle antichissime Gotte di Pradis e dei loro abitanti nel Neolitico. Fatti pochi passi, con un salto temporale di alcuni millenni, entriamo nel recinto del  Cimitero Militare Val da Ros, dove Cescutti ricorda i fatti salienti della Battaglia di Pradis: due divisioni italiane in ritirata dopo la rotta di Caporetto furono qui fermate e catturate dai tedeschi e dagli alleati austro-ungarici. Dal Cimitero si prosegue percorrendo una parte del Sentiero Storico della Battaglia lungo il quale la guida amplia la descrizione con ulteriori dettagli. In breve si raggiungono gli stavoli Fumatins e si prosegue lungo il Sentiero Storico imboccando una caratteristica clapadorie (dal friulano a ‘clap’, che significa sasso), un antico sentiero con ampi gradini in pietra e costeggiato da muretti a secco; un ottimo spunto per ricordare gli antichi mestieri come quello dello scalpellino che hanno fatto conoscere, tra 800 e 900, le maestranze friulane ben oltre i confini italiani. Lasciamo ora il Sentiero Storico per inoltrarci nella stretta valle secondaria del torrente Foce che attraversiamo su un ponte; qui Cescutti ci intrattiene ancora con numerose informazioni sulla composizione geologica dei ripidi versanti circostanti ricordando la presenza in questa area della faglia Barcis-Staro Selo, che separa la placca adriatica a sud dalla placca eurasiatica a nord. Ancora circa mezz’ora di salita ed arriviamo a casera Palamaior. Qui Jurij Cozianin, la nostra seconda guida odierna, ci intrattiene con una precisa e dettagliata descrizione dei primi passi della Brigata partigiana Osoppo-Friuli che, istituita a Udine il 24 dicembre 1943, vide formarsi proprio qui, a Palamaior, la sua prima formazione armata nel marzo 1944. Il racconto prosegue con ulteriori dettagli ricordando i tanti sacrifici e le sofferenze di chi, come la “Osoppo”, operava una resistenza armata ma anche delle popolazioni civili di queste zone che, sostenendo i partigiani con aiuti principalmente alimentari e rischiando le rappresaglie nazi-fasciste, operavano una resistenza disarmata, ma non per questo meno importante. Un legame con le proprie origini che la Brigata Osoppo ha voluto ricordare nel suo motto “Pai nestris fogolars“. Terminato questo momento così toccante per tutti i presenti siamo rapidamente rientrati a Val da Ros per il pranzo. Al termine Cescutti ci ha ampiamente parlato del conte Giacomo Ceconi, la personalità più famosa della zona, tratteggiando abilmente i contorni di questa figura dalle grandi capacità imprenditoriali che tanto ha fatto anche per migliorare la qualità di vita di queste popolazioni.

Salutato Cescutti, non senza averlo ringraziato ed applaudito per la sua competenza e simpatia, ci siamo spostati in auto al vicino borgo di Pielungo per l’ultima tappa della gita odierna: la visita al Castello Ceconi. Qui riprendiamo con Cozianin la storia della Brigata Osoppo, che fece del castello il proprio quartier generale; il racconto prosegue ricordando il raid tedesco che incendiò il castello, il successivo attacco partigiano alla colonna militare che si ritirava verso il Tagliamento e un breve inquadramento storico della delicata situazione politica presente in quel tempo tra i vari gruppi partigiani che sfociò poi, pochi mesi dopo, nei tragici fatti di Porzus. Dopo gli ultimi calorosi ringraziamenti a Cozianin, che ci ha gentilmente fatto omaggio di alcune pubblicazioni della Associazione Osoppo-Friuli, abbiamo brevemente passeggiato nel parco del castello incontrando l’attuale proprietario che ci ha mostrato l’enorme ghiacciaia interrata. Infine la foto di rito del gruppo a conclusione di questa giornata che, siamo certi, rimarrà nel ricordo di molti.

Con questa escursione la nostra Associazione ha per ora concluso il percorso “Sui sentieri dei partigiani della Osoppo”, iniziato nel 2016; in questi anni il nostro gruppo Escursionistico ha raggiunto la Casa Alpina “Brigata Osoppo” sull’altopiano di Ledis (Gemona del Friuli),  le Malghe di Porzus  e il Monte San Lorenzo presso Valle e Costalunga di Faedis.

Un caloroso ringraziamento alla Associazione “Osoppo-Friuli” ed al presidente Roberto Volpetti per la sua amicizia.

Paolo Andreoli

A seguire alcune foto della giornata

La partenza dalla Colletta Val da Ros
Il cartello che segnala l’inizio del Sentiero Storico
L’ingresso del Cimitero di Guerra Val da Ros
Il cartello del Sentiero Storico presso il Cimitero
Nel Cimitero Val da Ros
Momento di preghiera al Cimitero
Le spiegazioni della guida Cescutti lungo il Sentiero Storico
Lungo il Sentiero Storico
La guida Cozianin a casera Palamaior
La guida Cozianin a casera Palamaior
Pausa pranzo
Spiegazioni sotto la targa della Osoppo sul muro del Castello Ceconi
Con Cozianin all’esterno del Castello Ceconi
Il Castello del Conte Ceconi a Pielungo
Foto di gruppo al Castello Ceconi

Cammino delle Pievi del 07 luglio – Rinviata a data da destinare

CAMMINO DELLE PIEVI: S. Maria Annunziata e dei S.ti Ilario e Taziano,

Carissimi, domenica 7 luglio l’Associazione Sportiva R.D. Il Delfino – Andarpermonti propone un’escursione denominata “Cammino delle Pievi”. Questa escursione prevede la visita a due Pievi quella di S. Maria Annunziata e quella dei S.ti Ilario e Taziano.

Ritrovo e partenza da Udine dalla Chiesa di San Giuseppe in Viale Venezia alle ore 07:30.

Si richiede l’iscrizione entro il giorno 5 luglio su: http://www.ildelfinoudine.it/iscrizioni/andar-per-monti/

LV

Per maggiori dettagli scaricate il Volantino allegato:Cammino delle Pievi

 

Andarpermonti news – uscita a Castelmonte

La chiesetta dei Tre Re

Pellegrinaggio del 02 giugno

L’Associazione Sportiva Il Delfino di Udine domenica 2 giugno ha organizzato il pellegrinaggio Fragielis – Castelmonte, quest’anno oltre i nostri soci si sono aggregati dei nuovi amici, arrivati in bici da Saronno la “Birota Viatur”.

I “viandanti in bicicletta” sono stati appena 24 ore in Friuli, ma intense e piene di significato. Hanno percorso 530 chilometri in 25 ore da Saronno a Castelmonte in bici a staffetta da 5 persone, effettuando ognuno 30 chilometri, più il tratto finale percorso da tutti di km 9 da Cividale a Castelmonte. Questo è stato il 15° pellegrinaggio ad un Santuario Mariano, uno ogni anno, sono stati anche a Lourdes e Czestochowa.

L’incontro con Ercole Galli e con le persone dell’associazione Astra è stato un piacevole imprevisto, una prorompente presenza positiva che mi ha colpito.

Insieme abbiamo vissuto dei momenti forti, intensi, rapporti di amicizia vera.

Volendo sintetizzare in una frase, quanto mi hanno lasciato dico che: “se riconosco la preferenza, l’essere amato, allora mi metto in movimento, creo relazioni, cerco l’altro, sono pieni di gioia e con il desiderio di incontrare”.

Con Ercole ci eravamo sentiti per telefono e mi aveva proposto un tema da elaborare per un piccolo intervento: “Cosa regge l’urto del tempo nell’esperienza sportiva?” Ho risposto con questa frase: ”nell’esperienza sportiva il tempo non ha scalfito l’entusiasmo e l’impegno, nemmeno le circostanze non favorevoli (genitori anziani, malattia, ecc.). Nonostante tutto mi scopro disponibile ed entusiasta delle iniziative che mi vengono proposte. Credo che il segreto di tanta bellezza è in una ricerca di familiarità con l’origine cristiana, il rapporto con Cristo nella Chiesa e “il desiderio” di vedere realizzato quel progetto che per un attimo ho intuito come un bene per gli altri e per me”.

L’ “entusiasmante” Ercole ci ha ringraziati e salutati invitandoci a Saronno in febbraio 2020 per dare un contributo della nostra esperienza durante una serata dedicata alla montagna.
Luigi Valente

 

A seguire breve galleria foto

 

Salendo alla chiesetta dei Tre Re
Alla chiesetta di Santa Lucia di Fragielis
Alla chiesetta dei Tre Re
Salendo alla seconda stazione
Foto di gruppo con l’Ass.sp. Astra
Finalmente si pranza

Andarpermonti news – Gita del 02 giugno – da Fragielis a Castelmonte

02 giugno: pellegrinaggio da Fragielis a Castelmonte

In questa escursione-pellegrinaggio seguiremo le tracce dei pellegrini che salivano al Santuario di Castelmonte dalla Valle dello Iudrio provenendo dalla vicina Slovenia. Lungo le antiche mulattiere si attraversano vigneti ed ombrosi boschetti incontrando due la più antiche chiesette della zona, S. Lucia a Fragielis e la Chiesetta dei tre Re poco distante dal Santuario.

Durante il percorso sono previste tre stazioni del rosario.

Sono previsti due percorsi:

Percorso A: difficoltà E (Escursionistico), dislivello 440 m, lunghezza 11 km.

Percorso B: difficoltà T (Turistico), dislivello 100 m, lunghezza 4 km.

Si richiede l’iscrizione alla gita entro il giorno giovedì 30 maggio a questo link 

Invece qui trovate il volantino della gita con tutte le notizie.